Passa ai contenuti principali

"LA TRISTEZZA DEGLI UOMINI LOGORO' LE COLONNE CHE REGGEVANO LA SICILIA..."

Un girotondo di bambini, svegli, vivaci, attenti e intelligenti; una saletta accogliente e "intima"; qualche genitore e qualche nonno; una scrittrice emozionata ed emozionante, dolce e delicata... la sua voce calma e pacata risuona in libreria e... le parole diventano musica e canto: il canto che narra la storia di un ragazzino, mezzo uomo e mezzo pesce che rinuncia alla sua libertà per salvare la sua amata isola; la melodia che racconta la leggenda degli alcioni e della loro esistenza, nata dall'amore di due giovinetti capace di oltrepassare la morte... 
Quasi due ore in compagnia delle nostre radici leggendarie e mitiche con le quali si sono confrontate i nostri piccoli uditori e alle quali essi stessi hanno dato nuova vita e nuova linfa attraverso le loro ipotesi creative e fantasiose sul proseguimento e il finale dei racconti ascoltati. 
Non c'è da stupirsi se le loro ipotesi suggestive hanno superato di gran lunga la bellezza dell'originale racconto: sono bambini, hanno quel tocco di levità e sensibilità che tocca il cuore e raggiunge l'anima... e così, al sentirsi chiedere da che cosa dipendesse il logoramento delle colonne che reggevano la nostra amata isola, nella storia di Colapesce, non si è perso tempo ad affermare con una certa sicurezza che era la cattiveria degli uomini (per alcuni), la loro tristezza (per altri), l'essere in guerra e disaccordo (per altri ancora), l'aver cementificato la natura ad aver appesantito la terra e schiacciato pian piano le tre fragili colonne...
Solo la lungimiranza dei piccoli poteva affermare che l'atto eroico di Colapesce è una rinuncia alla libertà propria in nome di un fine ben più nobile: la salvezza di un'intera terra e dei suoi abitanti, di un popolo e del suo re; la salvaguardia della comunità intera.
Solo la spontaneità dei bambini può affermare con decisione che anche noi possiamo dare qualcosa agli altri, rinunciando un "pizzichino" alla nostra libertà e al nostro egoismo...

I miti e le leggende insegnano ancora oggi e forse più di ieri... e come non pensare alla tragica storia di Alcione e Ceice e del loro amore oltre ogni limite spaziale e temporale; della genuinità del loro legame che trasforma i loro corpi in quelli di uccelli marini, capaci di portare giorni di pace e serenità quando depongono le uova, durante il solstizio d'inverno.

I miti e le leggende aiutano a pensare, riflettere e reinventare ed è a proposito di questo che proponiamo il risultato di un breve momento di scrittura creativa cui i piccoli si sono sottoposti con entusiasmo. E poiché ogni promessa è debito, ecco qui i miti reinventati dalla loro fantasia:

<<Nel Medioevo, c'erano tre ragazzi molto uniti tra loro: Colapesce, Ceice e Alcione. Tutti e tre amavano viaggiare e così, un bel giorno, decisero di costruire una macchina in grado di volare e spostarsi velocemente da un posto all'altro. Completata la costruzione del velivolo, non restava che trovargli un nome adatto e poiché era attaccato a un grosso pallone, decisero di chiamarlo Pallone Volante. Colapesce, però, si rese ben presto conto che a lui, più che viaggiare volando, piaceva tanto viaggiare nuotando: ne parlò con i suoi amici e decisero che era giusto che ognuno di loro seguisse il proprio cuore e le proprie inclinazioni: così, Colapesce si tuffò dal Pallone Volante e continuò il suo viaggio a nuoto; mentre gli altri due continuarono la loro avventura attraverso i cieli. Questo fece sì che la loro amicizia divenne più forte di prima e durò per sempre>>.
 <<Tanto tempo fa, nei profondi abissi del mare di Sicilia, c'erano due amici: Colapesce, uomo coraggioso, e Ceice, giovane tritone. Tutti e due giocavano sereni in fondo al mare, quando d'improvviso, un giorno, sentirono una tremenda scossa che veniva dalla terra. Colapesce subito riaffiorò in superficie e vide che gli uomini erano in guerra tra loro e che si trovavano in tremendo pericolo. Allora, il coraggioso Colapesce, chiamò Ceice per andare in soccorso degli uomini. Ceice si trasformò in essere umano e accompagnò Colapesce nella sua missione. I due riuscirono a porre fine al conflitto e aiutarono i siciliani a firmare la pace>>.


Post popolari in questo blog

ARRIVA IL NOSTRO CALENDARIO DI MAGGIO...

Cari lettori,


con un piccolo ritardo, pubblichiamo il nostro calendario di Maggio che ha preso avvio già giorno 6 con il nostro percorso itinerante, rimandato di quindici giorni rispetto alla data prevista nel mese di aprile. 
Un'esperienza veramente bella, che ci ha lasciati pienamente soddisfatti insieme ai partecipanti.

Il prossimo appuntamento ci vedrà in collaborazione con le associazioni di Vittoria, giorno 11 maggio 2018, presso Sala E. Giudice di Vittoria a partire dalle ore 18.00
Un evento organizzato per dare voce ai ragazzi della V C, con i quali la nostra Casa Editrice ha costruito un vero e proprio percorso di Alternanza Scuola-Lavoro.
Verrà infatti presentato il loro cammino e soprattutto il frutto delle attività svolte insieme a noi, un vero e proprio libricino per bambini, intitolato "La Leggenda di Mezzagnone", liberamente ispirato dagli studi che gli alunni hanno realizzato sul volume di Giovanni Di Stefano e Giovanni Modica (L'edificio antico di Mezza…

IN DISTRIBUZIONE DA FINE APRILE... UN MERAVIGLIOSO MANUALE "ENCICLOPEDICO" SUL CARRETTO SICILIANO

Mancano pochi giorni all'uscita qui a Vittoria di uno splendido volume di cui la casa editrice si pregia di averne ottenuto la distribuzione.
Si tratta dell'opera dal titolo "Giovanni Leggio e la pittura del carretto stile vittoria. Carretta, masr'i carretta, firrari e pitturi" di Santino Leggio.  Un manuale-catalogo sull'arte dei carretti. Più di 550 pagine dal formato enciclopedico, arricchite e corredate da centinaia di immagini e fotografie; nonché da uno studio storico, tecnico e artistico sul carretto, la pittura dei carretti e tutte le figure e le maestranze necessarie alla sua realizzazione. Un contributo enorme alla storia locale e siciliana, voluta fortemente dall'autore Santino Leggio, architetto nonché artigiano egli stesso in età giovanile, quando lavorava presso il fondaco paterno e al cui padre l'opera è indubbiamente dedicata.
A partire da fine aprile l'opera sarà distribuita dalla nostra casa editrice e presentata al Festival del Libr…

AD APRILE... ALTRO CHE DOLCE DORMIRE!

Cari amici,


con aprile inizia quel periodo pieno e "all'aperto" che la casa editrice vive ogni anno quando la primavera permette a tutti di uscire, svagarsi, dedicarsi alle manifestazioni artistiche e culturali del territorio. Quest'anno in particolare il programma del mese si presenta ricchissimo. 
Ecco a voi appassionati, gli appuntamenti e gli eventi da non perdere:
5-8 aprile 2018 LIBeRI A RAGUSA.
Manifestazione ormai consolidata nel cuore di Ragusa e dedicata ad autori ed editori iblei. Come ogni anno troverete il nostro stand presso Sala Borse per tutta la durata della manifestazione e all'interno del ricco e variegato programma, ci sarà anche un nostro appuntamento, previsto per sabato 7 aprile alle 17.30, presso la Libreria Flaccavento, dedicato interamente ai bambini con i GRANDI MITI DI SICILIA
Per info consultate il programma al seguente link: https://indd.adobe.com/view/b5a6bfad-8221-439c-bb42-a21267d739ec
13 aprile 2018 - LABORATORIO DI "LUTTERA&quo…